FATTI E PERSONE

Cina: un'altra morte per nuova aviaria, ora le vittime sono 3

E' morta un'altra persona vittima della 'nuova aviaria', in Cina: un uomo che viveva nella città di Hangzhou, contagiato dal ceppo H7N9, è deceduto portando a tre il bilancio totale delle vittime del nuovo virus. Lo ha annunciato la tv di Stato cinese, citando le autorità sanitarie locali, senza dare ulteriori dettagli. Insieme al nuovo decesso, i media cinesi hanno segnalato un altro caso di contagio sempre nella provincia dello Zhejiang, e dunque adesso i totale delle persone contagiate è salito a 9. L'ultima vittima era un 38enne che lavorava come cuoco; le altre due vittime, vivevano entrambe a Shanghai. Tutte le altre persone contagiate versano in condizioni critiche, cinque di loro in uno ospedale a Nanchino. Shanghai, Nanchino e Hangzhou sono tre città l'una vicina all'altra, situate nella parte orientale del 'gigante asiatico'. Il ministero dell'Agricoltura non ha ancora trovato alcun animale contagiato e ha fatto presente che il virus H7N9 potrebbe esser stato importato nel Paese da uccelli migratori. L'Oms (Organizzazione Mondiale della Sanità) lunedì ha avvertito che i tre primi casi di contagio accertati non mostravano alcun segno di trasmissione da uomo-a-uomo, invitando comunque a capire la causa del contagio e le modalità. La Cina ha già messo in moto meccanismi di prevenzione del contagio e assicurato che sarà trasparente nella gestione dell'eventuale epidemia. (www.repubblica.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com