FATTI E PERSONE

Inflazione: la discesa dei prezzi non risolleva i consumi. No ad aumento Iva, costerebbe 1 miliardo in più solo per la tavola
Secondo la Cia, ormai il crollo della domanda interna è diventato strutturale, coinvolgendo beni primari come il cibo. La contrazione della spesa delle famiglie coinvolge sia le quantità che la qualità dei prodotti alimentari acquistati.
 
I prezzi al consumo si raffreddano, ma le buste della spesa restano tragicamente vuote. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in merito ai dati definitivi dell’Istat che rivedono al ribasso l’inflazione a marzo dall’1,7 all’1,6 per cento.
La discesa dei prezzi, dovuta soprattutto alla forte decelerazione dei carburanti, descrive un crollo della domanda interna oramai strutturale, che coinvolge non più solo il “superfluo” ma anche beni primari come gli alimentari -sottolinea la Cia-. Le famiglie non comprano più: per affrontare le spese obbligate, dai carburanti alle utenze passando per mutui o affitti, oggi devono necessariamente “tagliare” sulla tavola.
Nell’ultimo anno -ricorda la Cia- oltre il 50 per cento delle famiglie ha ridotto i volumi di spesa alimentare ed è addirittura raddoppiata (dal 6,7 al 12,3 per cento) la quota degli italiani che hanno dichiarato di non potersi più permettere di mangiare carne o pesce ogni due giorni. Un comportamento d’acquisto, dettato dalle difficoltà economiche e dalla crisi, che costringe a tagliare non solo sulle quantità, ma anche sulla qualità dei cibi acquistati.
Infatti oggi il 28 per cento degli italiani compra quasi esclusivamente nei discount e il 34 per cento opta per cibi di qualità inferiore perché sono molto più economici. Inoltre -osserva la Cia- nelle dispense si moltiplicano cibi in scatola e surgelati e si ricorre sempre più spesso al “junk food” (+7 per cento), a tutto scapito dell’ortofrutta (-3,5 per cento).
E’ chiaro quindi che in questa situazione il previsto nuovo aumento dell’Iva a luglio rischia di dare un colpo mortale al Paese -avverte la Cia- costando alle famiglie quasi un miliardo in più soltanto per le spese alimentari. (www.cia.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com