FATTI E PERSONE

Immigrazione: in Italia aumentano gli stranieri titolari di alberghi e bar

Lo Sportello dei Diritti” ha da sempre sostenuto, dati alla mano, che l’immigrazione è un fenomeno che nonostante la perdurante crisi porta ricchezza anche in termini economici al Nostro Paese.
A conferma di questo, giunge anche uno studio dell'Anmil (Associazione Nazionale fra Lavoratori Invalidi e Mutilati sul Lavoro) sulla scorta dei dati Inail relativi al 2011.
In virtù di tale elaborazione statistica è stato possibile verificare che sono in aumento il numero degli stranieri che guidano impresa attive nel settore degli alberghi, dei bar e della ristorazione. Al primo posto, si trovano i cittadini cinesi, che occupano la quota del 33% tra tutte le imprese condotte da immigrati.
Un settore che nonostante la crisi muove un giro d'affari pari al 10% del nostro Pil e occupa oltre 2 milioni di lavoratori: 800mila direttamente, le altre nell'indotto. Le imprese distribuite sul territorio nazionale sono circa 300.000, il 50% al Nord, il 22% al Centro, il restante 28% al Sud e nelle Isole.
L’indagine ha rivelato che sono circa 270 mila gli stranieri che lavorano nel settore, costituendo un terzo di tutta la forza lavoro impiegata. Un dato particolarmente interessante è che ben il 60% sono donne.
Venendo ai territori, è la Lombardia la regione con il maggior numero d’imprese gestite da immigrati con circa un quarto degli alberghi o dei bar, il Lazio il 12% e il Veneto l'8%.
Giovanni D’Agata, fondatore dello “Sportello dei Diritti” condivide l’assunto secondo cui tale tendenza sia connessa con i costi economici e la necessità di un impegno di lavoro prolungato nella gestione di un esercizio pubblico, che trova nelle comunità straniere una maggiore disponibilità ad avviare un'attività a diretta gestione familiare con il conseguente notevole risparmio di costi. (www.sportellodeidiritti.org)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com