FATTI E PERSONE

Agroalimentare, in calo la fiducia della Grande distribuzione

La fiducia degli operatori della Grande distribuzione alimentare registra un nuovo peggioramento nell'ultimo trimestre del 2012, a causa dell'andamento negativo degli acquisti che non risparmia neanche il settore alimentare.
Dall'indagine condotta da Ismea a dicembre presso un panel di 200 operatori del trade si evince, come maggiore elemento di preoccupazione, l'andamento delle vendite, con un crescente numero di operatori che dichiara un'evoluzione negativa sia su base trimestrale che rispetto allo stesso periodo del 2011.
L'indice elaborato dall'Istituto che sintetizza il sentiment del imprese del settore, monitorando anche le attese di vendita e le giacenze di magazzino, si mantiene pertanto in terreno negativo e in ulteriore contrazione rispetto alla precedente rilevazione. Osservando le dinamiche dell'indicatore nell'intera annata 2012 emerge una situazione meno favorevole rispetto al 2011, specialmente sul fronte delle vendite e delle aspettative di vendita.
Tra i diversi canali distributivi, sono i Minimarket a registrare, nel trimestre in esame, il valore dell'indice più basso, mentre al crescere delle dimensioni dei punti vendita (super e ipermercati) il clima di fiducia mostra un miglioramento.
A livello di macro aree geografiche il quarto trimestre 2012 è risultato negativo in tutte le ripartizioni territoriali, in particolare nel Nord Est e nel Mezzogiorno, dove emergono aspettative negative anche per il primo trimestre 2013.
Ancora molto diffuso (98,3% del Panel) l'utilizzo della leva promozionale, che ha riguardato il 33,5% del fatturato complessivo, un'incidenza superiore di 2,5 punti percentuali rispetto allo stesso trimestre dell'anno precedente. (www.ismea.it)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com