FATTI E PERSONE

La spesa dei lombardi è sempre più biologica, +5.4% in un anno

Dal 2011 al 2012, infatti, i venditori di prodotti bio sono cresciuti del 5,4% e vanno forte soprattutto i mercatini bio (+14,3%). Complessivamente le attività lombarde del settore sono 489: primi i negozi che vendono alimenti bio (224 attività, 17,6% del totale italiano), al secondo posto le imprese biologiche con vendita diretta (219, il 7,8% del totale Italia). I dati emergono da un'elaborazione Camera di commercio di Milano su dati registro imprese al IV trimestre 2012, su dati Biobank 2012 e 2011 e da un'indagine sui consumi delle famiglie milanesi. La spesa per i beni alimentari delle
famiglie milanesi è di 3,8 miliardi all'anno, in media 433 euro mensili per ogni famiglia nel 2012. Le voci più importanti sono carne (21,9%) e frutta e verdura (19,2%). Seguono pane e cereali (14%), latte, formaggi e uova (12,5%), zucchero e caffè (12,1%), bevande (10,9%). Solo dopo arriva il pesce (6,8%). Chi vive con un'altra persona risparmia il 25,2% rispetto ai single, mentre chi vive con due persone il 41% e con tre il 50%.
Da segnalare, poi, che le attività che commerciano alimentari in provincia di Milano sono 5.496. Quasi 1 su 3 (1.633, 29,7%) è un negozio di alimentari generici, il 43% (2.346 imprese) sono negozi specializzati e più di uno su 4 (1.517, 27,6%) sono attività ambulanti. Nel capoluogo è più alta la percentuale delle 'bancarelle' rispetto al totale lombardo (a livello regionale gli ambulanti rappresentano il 23,9% del settore) e degli esercizi specializzati (il 42,7% di Milano contro il 38,5% lombardo. (www.aiol.it)

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com