FATTI E PERSONE

Pil: Coldiretti, sale solo in agricoltura, unica ad assumere (+0,7%)

L’agricoltura nel primo trimestre 2013 è il solo settore che fa segnare un aumento del valore aggiunto sia in termini congiunturali (+4,7 per cento) che tendenziali (+0,1 per cento), che è stato peraltro accompagnato nello stesso periodo da un aumento delle assunzioni dello 0,7 per cento, in netta controtendenza con l’andamento recessivo del Pil e degli occupati dell’industria e dei servizi. E’ quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei conti dell’Istat che evidenziano per l’Italia un calo tendenziale del Pil del 2,4 provocato dalle flessioni nell’industria (-4,1 per cento) e nei servizi (-1,4 per cento) relativi al primo trimestre 20. Solo l’agricoltura – sottolinea la Coldiretti - mette a segno un incremento, ma le aziende agricole sono anche le uniche a far registrare un incremento dello 0,7 per cento nel numero di lavoratori dipendenti occupati nel primo trimestre dell’anno. “Nonostante gli effetti negativi sulle coltivazioni provocati dal maltempo e i segnali depressivi sui consumi che hanno interessato anche l’agroalimentare, l’agricoltura è stato  l’unico settore che nel 2013 ha dimostrato segni di vitalità economica ed occupazione a conferma  della validità e della modernità del modello di sviluppo agricolo Made in Italy che è fondato sul valorizzazione dell’identità, della qualità, delle specificità che consentono di affrontare e vincere la competizione internazionale”, ha affermato il presidente della Coldiretti Sergio Marini nel sottolineare che “si tratta di un modello che può rappresentare un riferimento anche per gli altri settori”. (www.primapress.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com