FATTI E PERSONE

Maltempo: Coldiretti, con tempeste estive oltre un mld di danni nei campi
 
Mentre mezza Italia boccheggia con la colonnina di mercurio che supera i 40 gradi, le tempeste estive, con trombe d’aria e grandine continuano a colpire a macchia di leopardo il Nord Italia facendo salire oltre il miliardo il conto dei danni provocati all’agricoltura dall’andamento climatico anomalo del 2013, tra perdite e maggiori costi. E’ quanto stima la Coldiretti nel sottolineare che è in corso, da parte dei tecnici dell’Organizzazione, il monitoraggio dei danni nei territori del Piemonte e della Lombardia colpiti oggi da nuove manifestazioni atmosferiche improvvise e violente. Nell’Alessandrino una  tempesta di vento, acqua e grandine – informa la Coldiretti - si è abbattuta su Alessandria e provincia lasciando il segno soprattutto sulle coltivazioni agricole dell’Acquese. A Bistagno, sono stati spazzati via alcuni filari di Brachetto e scoperchiati tetti di case e capannoni. Danni anche ad orti e frutteti. In Lombardia – prosegue la Coldiretti - piante spezzate, rami rotti, tettoie divelte e lastre di vetroresina infrante nella fascia nord ovest del capoluogo lombardo, fra la zona di Affori e Bollate dove il vento ha devastato il verde dei vivai lungo le strade e i giardini. Infine nel Pavese due trombe d’aria e un violento temporale hanno spazzato questa mattina i territori della Lomellina fra Rosasco, Robbio e Vigevano. Secondo quanto emerge da una prima valutazione della Coldiretti  ci sono stati alberi caduti e danni alle aziende agricole risicole e almeno 20 ettari di mais spianati dalla furia del vento. A Candia danneggiato anche un impianto fotovoltaico.
In questa pazza estate interi raccolti sono stati spazzati via dalla furia del vento, dalla pioggia e dalla grandine ed il lavoro un intero anno degli agricoltori e delle loro famiglie - precisa la Coldiretti - è stato distrutto in pochi minuti per colpa di violente bufere accompagnate da grandine con chicchi di grandi dimensioni che hanno allagato campi, divelto tetti, serre e raso al suolo interi raccolti di mais, soia, cereali, foraggi, frutta e ortaggi come insalata, fagioli, peperoni e melanzane quasi pronti alla raccolta. La grandine - spiega la Coldiretti - è la più temuta dagli agricoltori in questa stagione perché provoca danni insanabili alle coltivazioni, con effetti economici ed occupazionali sulle raccolte estive della frutta e della vendemmia ma anche sull’andamento dei prezzi e sull’inflazione. Il 2013 continua ad essere caratterizzato nelle campagne dal ripetersi di eventi estremi con sfasamenti stagionali e  precipitazioni brevi e intense dopo una primavera estremamente piovosa soprattutto nelle regioni del nord. Si tratta degli effetti dei cambiamenti climatici con i quali è costretta a convivere l’agricoltura che a differenza delle attività industriali – conclude la Coldiretti - si svolge all’aria aperta ed è quindi soggetta alle bizzarrie del tempo, oltre alle difficoltà di mercato dovute alla crisi. (www.coldiretti.it)

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com