FATTI E PERSONE

Export: Cia, in Cina +65% per l'alimentare fresco Made in Italy

L'agroalimentare Made in Italy crea nuove opportunità oltreoceano, con prodotti come vino e pasta che continuano a scalare posizioni attestandosi ai primi posti dell'export mondiale. Solo nella prima metà dell'anno, infatti, le esportazioni extra-Ue sono cresciute dell'11,6% per i prodotti alimentari e del 15,6% per quelli agricoli. Lo afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in merito ai dati diffusi oggi dall'Istat. Un risultato che è trascinato dalle performance in Asia e in America - spiega la Cia - dove la domanda di prodotti italiani cresce a ritmo sostenuto anno dopo anno. Soprattutto in Cina il ''made in Italy'' registra aumenti da record: tra gennaio e maggio 2013 l'export di vino, pasta, olio e formaggi è aumentato del 22,9%; quello dei prodotti freschi dell'agricoltura addirittura del 65,3%. A portare avanti il tricolore nel mondo c'è innanzitutto il vino, le cui vendite all'estero sfioreranno quota 5 miliardi a fine anno. D'altra parte, solo in Russia nei primi quattro mesi del 2013 -ricorda la Cia- l'export delle nostre bottiglie ha fatto un balzo storico a +338%. Ma anche pasta e ortofrutta vanno a gonfie vele sui mercati al di fuori dell'Ue. Per esempio, nella prima parte dell'anno le vendite di spaghetti, rigatoni, tagliatelle e tortellini sono cresciute del 61 per cento negli Stati Uniti e del 127% sempre in Russia -aggiunge la Cia-. Quanto all'export di frutta e verdura, che già vale circa 4 miliardi di euro, ha ancora un enorme margine di crescita da 'sfruttare', visto che la domanda mondiale, sostenuta proprio dai paesi Bric, è passata da 70 a 170 miliardi di dollari in pochi anni. (red/mau - www.asca.it)

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com