FATTI E PERSONE

Benvenuta Croazia!

Il 1° Luglio la Croazia entrerà a far parte dell'Unione europea e i suoi 4,4 milioni di cittadini acquisiranno la cittadinanza europea. La politica di allargamento dell'Unione ha dimostrato anche in questo caso la sua capacità di influire positivamente sullo sviluppo dei Paesi terzi, così da renderli conformi agli alti standard europei.
La Croazia, paese dei Balcani occidentali, solo 20 anni fa è, infatti, stata teatro di una delle guerre più sanguinose che l'Europa ha vissuto dopo la seconda guerra mondiale. Dal 2003, anno in cui la Croazia ha presentato la sua domanda di adesione, il Paese ha dato vita ad una serie di riforme strutturali per adeguarsi ai requisiti e alle norme europee. In particolare, ha compiuto progressi significativi in materia di democrazia, Stato di diritto, diritti umani e tutela delle minoranze, dimostrando la sua volontà di risollevarsi e di intraprendere un cammino di crescita, che le permetterà oggi di diventare il 28° Stato membro.
La sua adesione darà alle imprese e ai cittadini croati l'opportunità di godere dei benefici del mercato unico, con la sua libera circolazione delle persone, dei servizi, delle merci e dei capitali. Inoltre, gli altri Stati europei potranno sviluppare legami commerciali più stretti con il nuovo Paese membro e trarre vantaggio da un mercato unico sempre più ampio. L'ipotesi è particolarmente concreta per i Paesi confinanti, tra cui l'Italia, che confinano con la Croazia.
Come ha dimostrato l'attuale crisi economica e sociale, infatti, gli Stati sono sempre più interdipendenti e necessitano di politiche coordinate per rispondere alle sfide del nostro tempo. L'adesione della Croazia al progetto europeo permetterà di rendere l'Unione un attore di sempre maggior rilievo nel panorama internazionale, limitando anche l'instabilità delle frontiere europee e contribuendo alla pace e alla sicurezza sul continente.
L'entrata della Croazia segnerà anche un'evoluzione nella composizione delle istituzioni dell'Unione. Neven Mimica, Commissario croato designato, entrerà a far parte del Collegio dei Commissari a partire dal 1° luglio, come responsabile della protezione dei consumatori. Inoltre, i cittadini croati saranno rappresentati in Parlamento europeo da 12 deputati e da 7 voti al Consiglio.

Fabrizio Spada, Camilla Puglisi e Alexandra Hertrich
Commissione europea
DG COMM
Rappresentanza a Milano
+39 02 46 75 141
mail comm-rep-mil@ec.europa.eu
http://ec.europa.eu/italia


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com