FATTI E PERSONE

Lavoro: disoccupazione tocca nuovo record, ma l’agricoltura può fare da “ammortizzatore sociale”
La Cia commenta i dati diffusi oggi dall’Istat: negli ultimi due anni il settore primario, più di altri, ha creato nuovi posti di lavoro (+4,6%) nonostante la crisi grave e persistente. Ma si può fare di più: il sistema agroalimentare è pronto ad assorbire oltre 150 mila disoccupati in breve tempo, ma vanno abbattuti costi e burocrazia che attanagliano le imprese.
 
In questa fase di crisi, con la disoccupazione che a maggio tocca il nuovo massimo storico, non si può sottovalutare il ruolo di “ammortizzatore sociale” dell’agricoltura. Nelle campagne, a differenza di industria e servizi, c’è ancora possibilità di lavoro: una certezza che dovrebbe essere sfruttata da parte del governo con interventi mirati che consentano agli imprenditori agricoli di riprendere a “marciare” e di aprire le porte ai tanti lavoratori che sono stati, purtroppo, espulsi dagli altri settori produttivi. E’ quanto afferma la Cia-Confederazione italiana agricoltori, in merito ai dati diffusi oggi dall’Istat.
Tra il 2010 e il 2012 gli occupati dipendenti nel settore primario sono aumentati del 4,6 per cento -spiega la Cia sulla base dei dati contenuti nel rapporto elaborato con il Censis in occasione della VII Conferenza economica di Lecce- mentre nell’industria la crescita si è fermata allo 0,4 per cento e nei servizi all’1,8 per cento. Anche nel primo trimestre 2013 il trend è rimasto positivo: in assoluta controtendenza rispetto all’andamento generale (-1,4 per cento), l’agricoltura ha incrementato le assunzioni dello 0,7 per cento. Vuol dire che, a dispetto della crisi grave e persistente, il comparto è estremamente vitale. E può fare anche di più con le sue grandi risorse e potenzialità allargate a tutto il sistema.
L’agroalimentare infatti -avverte la Cia- è in grado di assorbire in tempi rapidi più di 150 mila disoccupati, ma è indispensabile che vengano abbattuti costi (produttivi e contributivi) e burocrazia che oggi paralizzano le imprese. Se si dà una risposta seria a questi problemi il settore può davvero trasformarsi in un “ammortizzatore sociale” e contribuire di più e meglio alla creazione di nuovi posti di lavoro .
Peraltro, in un periodo in cui la disoccupazione giovanile è stabilmente sopra il 38 per cento -sottolinea la Cia- in agricoltura sono stati proprio i giovani a contribuire in modo più significativo alla crescita del lavoro dipendente, visto che gli occupati con meno di 35 anni sono aumentati del 5,1 per cento. (www.cia.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com