FATTI E PERSONE

Report Intesa, in 2011 -1,5% consumi interni. Cresce export

Il settore agro-alimentare nel 2011 avrebbe registrato una crescita del fatturato prossima al 6%, variazione che incorpora la continua crescita dei prezzi alla produzione. La stima è contenuta in un rapporto redatto dal servizio studi e ricerche di Intesa Sanpaolo reso noto oggi a Firenze nell'ambito del convegno 'L'agribusiness per il rilancio economico del Paese', organizzato da Agriventure, presente il ministro per l'Agricoltura Mario Catania.
La performance risente dell'andamento negativo del mercato interno, in cui i consumi di alimentari, bevande e tabacco hanno mostrato un calo dell'1,5%. Il dato del 2011, secondo il report, riporta il livello di spesa pro capite indietro di 30 anni. Nel 2011 hanno invece continuato a crescere le esportazioni, seppure a un ritmo inferiore rispetto al 2010.
A guidare la performance del settore sono carni e salumi, vini e bevande e formaggio.
L'agribusiness rappresenta oggi circa il 9% del valore complessivo degli scambi commerciali con l'estero realizzati dall'Italia e solo l'agricoltura vanta oggi circa 1.400.000 occupati.
''Con la nascita di Agriventure nel Gruppo Intesa Sanpaolo - ha sostenuto il Presidente Federico Vecchioni - è stata favorita la focalizzazione verso l'agribusiness e la relativa attività del credito specialistico, determinando una crescita positiva dei principali driver del settore: nel 2011, infatti, i risultati della società registrano un flusso netto positivo di nuovi clienti operanti nel settore dell'Agribusiness, nonché un consolidamento degli impieghi e della quota di mercato''. (www.asca.it)




Torna all'indice di ASA-Press.com