FATTI E PERSONE

Ricerca: Cnr, dagli ortaggi ai probiotici

Trasformare gli scarti della lavorazione del pomodoro in plastica biodegradabile. E' questo l'obiettivo raggiunto nei laboratori dell'Istituto di chimica biomolecolare (Icb) del Cnr di Pozzuoli, dove l'equipe guidata da Barbara Nicolaus studia, dal 2005, la possibilità di utilizzare i polisaccaridi estratti dagli scarti di lavorazione del pomodoro per realizzare buste o coperture per produzioni agricole. "La 'plastica' è stata ottenuta, ora la parola passa alle aziende che dovranno realizzare i processi di trasformazione e industrializzazione, che al momento hanno ancora costi elevati anche perché i procedimenti sono complessi e lo scarto di pomodori non è continuativo", ha spiegato Nicolaus in un articolo pubblicato da Almanacco della Scienza del Cnr. Partendo dal progetto 'Buste biodegradabili', inoltre, Mario Malinconico dell'Istituto di chimica e tecnologia dei polimeri (Ictp) del Cnr ha individuato un nuovo campo applicativo: le vernici pacciamanti per l'agricoltura per coltivazioni in vaso. (www.aiol.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com