ENTI E MINISTERI

Crisi: Coldiretti, aumentano imprese agricole nel II trimestre
Dopo due anni si inverte la tendenza e cresce anche l'occupazione  

Si inverte la tendenza e dopo due anni di continue riduzioni torna ad aumentare il numero di imprese agricole italiane. E' quanto emerge da una analisi della Coldiretti sulla base dei dati di Movimprese dalla quale si evidenza che nelle campagne le aperture di nuove aziende hanno superato leggermente le chiusure con la presenza nel secondo trimestre di ben 824.516 aziende agricole registrate negli elenchi delle camere di commercio. Si tratta - sottolinea la Coldiretti - di debole segnale positivo che si aggiunge a quello registrato sul fronte dell'occupazione con l'aumento nello stesso secondo trimestre del 10,6 per cento delle assunzioni rispetto all'anno precedente, in netta controtendenza con l'andamento generale. Ad aumentare in campagna – precisa la Coldiretti - sono sia il numero di lavoratori dipendenti (+10,1 per cento) che in misura più contenuta quelli indipendenti (+2,9 per cento). Il trend positivo dell'agricoltura è particolarmente importante perché - continua la Coldiretti - è il risultato di una crescita record del 13,7 per cento al nord ma anche del 3,5 per cento al sud mentre si registra un leggero calo nel centro Italia (- 3,2 per cento). A preoccupare è però - conclude la Coldiretti - l'andamento della secondo metà dell'anno che deve fare i conti con una estate segnata dalla più grave siccità dell'ultima generazione che ha tagliato i raccolti e provocato danni per 3 miliardi di euro all'agricoltura nazionale, ma anche con un autunno caldo per l'aumento dei costi fiscali, energetici e produttivi che mettono a rischio la competitività delle imprese. (www.coldiretti.it)




Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com