FATTI E PERSONE

Agroalimentare, nel nordest il 29% del fatturato cooperativo
In Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Veneto le cooperative agricole generano un fatturato di 10 miliardi di euro. Se si aggiungono quelle dell’Emilia Romagna, si raggiunge addirittura il 64% dell’intera ricchezza generata dalla cooperazione nel paese. I dati sono resi noti dall’Osservatorio sulla Cooperazione agricola istituito presso il Ministero dell’Agricoltura.

Sarà pure un vecchio stereotipo quello del nordest come locomotiva del paese, ma è quasi impossibile non farne ricorso davanti ai 10 miliardi di euro di fatturato prodotti dalle 800 cooperative agricole che operano in Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia e Veneto. Con una indiscussa posizione di leadership in settori quali la zootecnia, il vino, i formaggi e l’ortofrutta, le imprese cooperative del Nordest (il 14% del totale) generano di fatto il 29% di tutta la ricchezza della cooperazione agroalimentare nazionale, pari a 34,3 miliardi di euro (dati 2008). Se si considera anche l’Emilia Romagna, che realizza da sola il 35% del fatturato nazionale della cooperazione agroalimentare, il peso delle 4 regioni raggiunge addirittura il 64% della ricchezza generata dalla cooperazione nel paese.
Le cifre sono state rese note dall’Osservatorio della Cooperazione Agricola, istituito presso il Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali e costituito dalle cinque organizzazioni cooperative (Fedagri-Confcooperative, Legacoop Agroalimentare, Agci-Agrital, Unci e Unicoop), nell’ambito di un incontro svoltosi oggi presso la Sala Convegni di Verona Mercato, che rientra nel quadro di un ciclo di iniziative promosse d’intesa con il Mipaaf.
Se si passa all’analisi dei singoli comparti produttivi, si scopre che Veneto, Trentino Alto Adige, Friuli Venezia Giulia sono, dopo Emilia Romagna e Lombardia, le principali regioni della cooperazione lattiero-casearia, con una quota pari al 22% del fatturato cooperativo nazionale del settore.
Fortissimo anche il peso delle cooperative vitivinicole del nord est: il Veneto e il Trentino Alto Adige sono rispettivamente la prima e la terza regione nella graduatoria delle principali regioni della cooperazione vitivinicola e generano da sole il 41% del fatturato complessivo nazionale (24% il Veneto e 17% del Trentino Alto Adige).
Nell’ortofrutta, significativo il peso del Trentino Alto Adige – in cui è concentrato il 19% del fatturato generato dalle cooperative del settore - regione preceduta solo dall’Emilia Romagna, leader indiscussa con il 40% del totale.
Le relazioni dell’incontro sono state svolte da Ersilia Di Tullio e Paolo Bono di Nomisma. Hanno quindi partecipato al dibattito il prof. Corrado Giacomini dell’Università di Parma, Coordinatore del Comitato Tecnico Scientifico dell’Osservatorio, Davide Mantovanelli, Responsabile Legacoop Agroalimentare Veneto e il Presidente di Fedagri Veneto Antonio Melato.



***
L’Osservatorio della Cooperazione agricola italiana, istituito dalla legge n. 231/2005 presso il Mipaaf, di cui fanno parte le cinque organizzazioni nazionali di rappresentanza attive in campo agroalimentare (Agci-Agrital, Fedagri-Confcooperative, Legacoop Agroalimentare, Unci-Coldiretti e Unicoop).

Per informazioni:
Ministero delle Politiche Agricole Alimentari e Forestali – SAQ 2
Tel. 06 4665 6105/6/7
saq2@politicheagricole.gov.it

Fedagri-Confcooperative
Alina Fiordellisi
Tel. 06 46978202
fiordellisi.a@confcooperative.it


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com