FATTI E PERSONE

Rio +20: Brambilla, non mangiare carne fa bene al pianeta

"Tutti dobbiamo impegnarci a favore del pianeta. E possiamo farlo cominciando dalle piccole cose, dalla nostra vita quotidiana. Purtroppo, è ancora troppo scarsa nel paese la consapevolezza di quale ferita creino all'ambiente gli allevamenti intensivi." - lo dice l'ex Ministro del Turismo, on. Michela Vittoria Brambilla, commentando il dossier sui costi reali del ciclo di produzione della carne, presentato oggi a Roma dalla LAV, alla vigilia dell'apertura dei lavori del summit sull'ambiente Rio + 20. "Un lavoro importante per informare correttamente l'opinione pubblica: non mangiare carne fa bene a tutti, fa bene al pianeta". "Non tutti infatti -prosegue l'ex ministro - sono consapevoli di quanto sia crudele la sorte di bovini, polli, maiali, agnelli e i tanti animali, costretti negli allevamenti intensivi ad una vita che non è vita, per produrre migliaia di tonnellate di alimenti di cui possiamo benissimo fare a meno, creando una grave ferita all'ambiente per la quantità di emissioni che questi lager producono e per come dissipano le risorse di acqua e di produzione agricola del pianeta." È bene sottolineare che l'allevamento intensivo e la produzione di carne, dopo l'attività industriale e il settore dei trasporti, sono i maggiori responsabili delle emissioni di gas serra nell'atmosfera, uno dei principali problemi all'ordine del giorno del summit sull'ambiente di Rio. " Il più recente rapporto delle Nazioni Unite - osserva l'on. Brambilla - ci dice che nell’ultimo ventennio è andato perduto il 30 per cento della biodiversità del pianeta, che le emissioni di anidride carbonica sono aumentate del 40 per cento e che solo per 4 dei 90 principali obiettivi ambientali fissati in precedenza sono stati compiuti progressi significativi. Poco o nulla si è fatto per combattere i mutamenti climatici, la desertificazione, la siccità. Se non cambiamo il nostro stile di vita, se non scegliamo tecnologie pulite e fonti rinnovabili, rischiamo di dover affrontare irreversibili alterazioni delle funzioni vitali del pianeta." (www.agenparl.it)

 



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com