FATTI E PERSONE

Bio-shopper, quelli 'autentici' solo in 10% negozi
Indagine Ispo-Assobioplastiche,97% conosce legge,serve chiarezza

Solo un negoziante su 10 utilizza bio-shopper autentici compostabili, nel 60% dei casi non si può con certezza che si tratti di materiale doc mentre il 26% usa il biodegradabile non compostabile. A fronte di ciò, la conoscenza dell'esistenza della legge che dal 1/o gennaio del 2011 mette al bando i tradizionali sacchetti di plastica è pressoché ''universale'' tra i negozianti con il 97% che dichiara si sapere della legge.
Questi alcuni dei risultati della ricerca Ispo per Assobioplastiche presentata a Roma nel corso del convegno ''Un anno di divieto: dodici mesi di successi con molte domande''.
''Tutti conoscono che c'è una norma ma, meno nei cittadini e più nei commercianti, c'è una necessità di chiarezza - ha detto il presidente di Assobioplastiche, Marco Versari - per un prodotto che rispetti gli standard di legge''.
In particolare, ha spiegato lo stesso presidente Ispo, Renato Mannheimer, ''c'è un buon livello di informazione, visto che 3 su 4 dichiarano di conoscere la differenza tra biodegradabile e compostabile, ma ci sono ampi spazi di miglioramento''. Molti meno, infatti, sanno dell'esistenza della certificazione per il compostabile (riciclabile al 100%). La ricerca è stata condotta tra i negozianti di generi alimentari. Tra chi utilizza biodegradabile, la metà è certa che si tratti anche di compostabile mentre ben 8 su 10 di dicono sorpresi della non compostabilità. In generale i biodegradabili sono utilizzati dalla quasi totalità degli intervistati (96%) mentre uno su tre utilizza ancora i tradizionali sacchetti di plastica. (ANSA).


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com