FATTI E PERSONE

Quasi un italiano su tre rinuncia all'automobile, complice la crisi economica

La spesa per la tavola e per i figli risultano le due voci di acquisto meno sacrificabili dalle famiglie Con la crisi quasi un italiano su tre (30%) ha ridotto, rinunciato o rimandato, l'acquisto dell'auto per risparmiare a favore della spesa per la tavola e per i figli che risultano le due voci di acquisto meno sacrificabili dalle famiglie. E' quanto emerge da una indagine Coldiretti-Swg, realizzata in occasione della diffusione dei dati sul crollo delle immatricolazioni delle auto, dalla quale si evidenzia che solo il 16% degli italiani, dopo tutto il resto, è arrivato perfino a ridurre o a rimandare gli acquisti alimentari ed appena il 9% quelli per i propri figli.
Le rinunce principali oltre all’auto hanno riguardato - precisa la Coldiretti – le vacanze per il 50% degli italiani, il tempo libero per il 47%, gli acquisti tecnologici per il 34%, mentre un italiano su tre (33%) ha ridotto, rinunciato o rimandato anche le attività culturali. La crisi ha cambiato dunque le priorità degli italiani che - conclude la Coldiretti - hanno tagliato soprattutto il superfluo, mentre si cerca di resistere sui beni essenziali per la famiglia come l’alimentazione, la salute e la scuola. (http://www.adnkronos.com)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com