FATTI E PERSONE

No ai brevetti sugli alimenti
ADOC, rischio rincari record per consumatori e imprese

L’Adoc sostiene le ragioni della manifestazione che si terrà domani a Monaco di Baviera contro la brevettabilità dei prodotti alimentari, c’è il rischio concreto che a pagarne i danni saranno i consumatori e gli agricoltori. “E’ assurdo che si brevettino prodotti alimentari come pomodori e broccoli, sono patrimonio dell’umanità e non possono in alcun modo “appartenere” a delle imprese – dichiara Carlo Pileri, Presidente dell’Adoc – brevettare gli alimenti e la loro coltivazione si tradurrebbe in un rialzo record dei costi sostenuti da consumatori e agricoltori. Già oggi la spesa sostenuta per gli alimentari copre mediamente il 25% del reddito a livello europeo, con la brevettabilità c’è la possibilità che l’impatto sul reddito cresca del 10%, diventando insostenibile per milioni di cittadini e agricoltori. Per questo aderiamo alla manifestazione che si terrà domani 26 ottobre a Monaco di Baviera davanti l’Ufficio Europeo Brevetti, vogliamo i pomodori e broccoli di una volta, liberamente coltivabili e a disposizione di tutti”. (www.adoc.org)
 


Torna all'indice di ASA-Press.com