FATTI E PERSONE

In Italia il 13,5% delle aziende agricole dell’intera Unione europea
I dati provengono dai risultati preliminari del censimento agricolo 2010 pubblicato da Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione europea

Il numero di aziende agricole nell'Ue a 27 è diminuito del 20% tra il 2003 e il 2010, mentre la superficie agricola è diminuita solo del 2%.
Nel 2010 vi erano poco più di 12 milioni di aziende agricole e una superficie agricola utilizzata (SAU) di 170 milioni di ettari nell'Ue a 27. Rispetto al 2003, il numero di aziende è diminuito del 20% e la superficie agricola utilizzata del 2%, mostrando una tendenza verso aziende agricole più grandi. La dimensione media di una azienda nel 2010 era di 14 ettari rispetto ai 12 ettari per azienda del 2003.
Queste informazioni provengono dai risultati preliminari del censimento agricolo 2010 pubblicato da Eurostat, l'ufficio statistico dell'Unione europea. Il censimento viene effettuato negli Stati membri dell'Ue, e nei paesi dell'Efta, ogni dieci anni. Tra il 2000 e il 2010, indagini intermedie sono state effettuate ogni due o tre anni. Il censimento agricolo raccoglie i dati sulla struttura delle attività agricole, coprendo soprattutto il numero e le dimensioni delle aziende agricole, il tipo di colture, il numero e la tipologia del bestiame, e la forza lavoro coinvolta.
Sette stati membri hanno oltre l'80% delle aziende agricole nell'Ue a 27 Stati e sono:
Romania (3,9 milioni di aziende o 32,0% del totale ), seguita dall’ Italia (1,6 milioni, 13,5%), Polonia (1,5 milioni, 12,5%), Spagna (1,0 milioni nel 2009, 8,2%), Grecia(0,7 milioni, 5,9%), Ungheria (0,6 milioni, 4,8%) e Francia (0,5 milioni,4,3%).
Il numero delle aziende agricole è diminuito tra il 2003 e il 2010 in tutti gli Stati membri, ad eccezione di Malta e Svezia. Le maggiori diminuzioni sono state osservate in Estonia (-6,6%), Bulgaria (-44,2%), Lettonia (-34,4%) e Polonia (-30,7%).
Sette Stati membri rappresentano quasi il 75% della superficie agricola utilizzata nella Ue a 27.
Considerando la superficie agricola utilizzata, la Francia (27,1 milioni di ettari pari al 15,9% della SAU totale della Ue a 27) detiene il primato, seguita dalla Spagna (23,8 milioni di ettari nel 2009, 14,0%), Germania(16,7 milioni di ettari, 9,8%) , il Regno Unito (15,9 milioni di ettari, pari al 9,4%), Polonia (14,4 milioni di ettari, 8,5%), Romania (13,3 milioni di ettari,7,8%) e Italia (12,9 milioni di ettari, 7,6%).
La superficie agricola utilizzata è diminuita in diciotto Stati membri tra il 2003 e il 2010 e un aumento in nove. Cipro (-24,3%), Slovacchia (-9,4% tra il 2003 e 2007) e Austria (-8,0%) hanno registrato le diminuzioni più consistenti, mentre Bulgaria (+24,7%), Lettonia (+19,9%) ed Estonia (+18,0%) i maggiori incrementi. (www.aiol.it)





Torna all'indice di ASA-Press.com