EVENTI

10 Dicembre 2011 – Pasta Madre day
Il più grande momento di spaccio collettivo mondiale. Il 10 dicembre sarà ricordato, nella storia dell’enogastronomia italiana, come il momento a più alta “lievitazione” della storia.
 
Sono infatti più di 60 (63, per la precisione) gli eventi “Pasta Madre Day”, che porteranno migliaia di aspiranti panificatori casalinghi nelle piazze per scambiarsi e condividere il proprio lievito madre.
Un’organizzazione diffusa e autarchica che, partendo dal basso, si impegna a diffondere più di 3.000 dosi di lievito in modo totalmente gratuito.
La gratuità del “gesto” è caratteristica saliente e fondamentale di ognuno di questi eventi.
La pasta madre è, infatti, un dono: è il fine e il mezzo per portare, nella vita quotidiana di ogni famiglia, la gioia del pane fatto in casa, con i suoi profumi, il suo gusto e i suoi ricordi.
Ognuno dei 63 eventi organizzati è diverso, e la diversità di ogni evento rispecchia in pieno la biodiversità di ogni regione d’Italia, di ogni pasta madre, di ogni “spacciatore” di lievito.
Si passa, con naturalezza, da eventi molti grandi e pretenziosi, come lo “spaccio” con cottura gratuita nel forno a legna del Mercato della Terra di Bologna a eventi molto più piccoli, ma di pari (se non maggiore) importanza, come alcuni spacciatori che aprono le porte di casa propria per un momento di dimostrazione e di “panificazione casalinga”, come se aspettassero le amiche per il te del sabato pomeriggio.
In un momento storico come questo, dove non si perde occasione per parlare di crisi e recessione, il Pasta Madre Day si inserisce come un piccolo ma significativo momento di risposta e di reazione. Ritornare a questi gesti e riscoprirne la semplicità ci porta a reagire nei confronti di una economia che ci vuole sempre più (e solo) consumatori, e non produttori. Ritornare, nel nostro piccolo, a farci il pane in casa (buono, duraturo, digeribile e di qualità), utilizzando pasta madre e farine quanto più possibile biologiche e a filiera corta, può innescare un circolo virtuoso di economia locale e sostenibile che porterà a un futuro forse un po’ più sereno a noi e ai nostri figli.
 
COS’È IL PASTA MADRE DAY?
L’intera rete degli “spacciatori” (più di 300 consumatori in Italia e nel mondo segnalati sul sito che rendono disponibile gratuitamente la propria pasta madre a chiunque ne faccia gentile richiesta) si mobilita e sarà presente, quel giorno, in molte piazze d’Italia, negozi, ristoranti, mercati, agriturismi, centri sociali regalando un pezzetto di quell’impasto capace di creare, in ogni casa, la magia della panificazione.
Mai più quindi pani poco digeribili, insapori e già stantii a poche ore dall’acquisto. Con un pugno di pasta madre ricevuta gratuitamente durante il Pasta Madre Day e alcune semplici istruzioni, ognuno in casa propria potrà preparare, per sé e per la propria famiglia, buonissimi e profumatissimi pani capaci di durare per tutta la settimana.
L’elenco degli eventi, così come quello degli “spacciatori”, è disponibile sul sito internet della Comunità del Cibo Pasta Madre (www.pastamadre.net).
 
COS’È LA PASTA MADRE
La pasta madre è un impasto di farina e acqua dove si è già avviata, naturalmente, una fermentazione da parte di lieviti e batteri lattici. Aggiunta quindi a un impasto al posto del più diffuso lievito di birra, è in grado di farlo lievitare per ottenere pani, pizze e i dolci lievitati classici della tradizione italiana.
Si differenzia dal lievito di birra per la varietà della sua flora batterica, sempre diversa da pasta madre a pasta madre, in grado di apportare al pane un gusto più aromatico, complesso e saporito e una digeribilità molto più elevata. I pani preparati con pasta madre, inoltre, si conservano più a lungo. La pasta madre non muore mai: viene tenuta in vita da continui rinfreschi, cioè impasti in cui viene aggiunta altra farina e acqua, e può essere quindi utilizzata e riprodotta (per essere regalata) senza problemi.
 
LA COMUNITÀ DEL CIBO PASTA MADRE
I membri della Comunità del Cibo Pasta Madre si impegnano quotidianamente a consumare prodotti di stagione, credono nel biologico, condividono le tradizioni della propria Terra, valorizzano l’agricoltura e gli agricoltori del proprio territorio. Fare il pane (e non solo) in casa con la pasta madre è un gesto di resistenza ma anche di fiducia verso il futuro. E’ il portare alla società il messaggio che è possibile opporsi alla omologazione dei gusti e dei sapori, prendendo il pane come esempio, in quanto base e fondamento dell’alimentazione della nostra cultura.
Vi sono più di 300 spacciatori disponibili a regalare la propria pasta madre, in tutta Italia.
Le attività della Comunità sono veicolate principalmente via web, attraverso il sito www.pastamadre.net dove vengono pubblicate ricette, consigli e tutti gli eventi che la Comunità organizza: sito che viene raggiunto giornalmente da più di 1.500 utenti, con una mailing list con più di 1000 iscritti e una attivissima pagina facebook con un migliaio fan in continua ascesa.
 
Contatti e informazioni:
www.pastamadre.net
info@pastamadre.net
per contatti urgenti: Riccardo Astolfi, 347 9854238


Torna all'indice di ASA-Press.com