EVENTI

Una marcia mondiale per la Sovranità Alimentare 
All’iniziativa virtuale partecipano 13 città italiane

Garantire alimentazione di qualità e rispetto dell’ambiente e valorizzare il lavoro contadino: sono gli obiettivi della Marcia Mondiale per la Sovranità Alimentare , viaggio virtuale in giro per il mondo per sensibilizzare la collettività sul tema della promozione del diritto al cibo e sostenere i progetti di Mani Tese, ong che da 48 anni combatte la fame e contrasta gli squilibri tra nord e sud del pianeta.  
La partecipazione alla marcia virtuale avviene online, è aperta a tutti e gratuita: basta caricare una propria foto o un’immagine e lasciare un messaggio sul cibo sul sito www.foodforworld.org.  
Tredici città italiane (Milano, Roma, Napoli, Genova, Bologna, Firenze, Catania, Padova, Venezia, Mestre, Rimini, Finale Emilia, Verbania) ospiteranno iniziative a tema, incontri con cittadini e studenti, dibattiti, pedalate solidali, animazione, mercatini biologici e di prodotti a km zero.  
La marcia si concluderà a Milano il 16 ottobre, in occasione della Giornata Mondiale per l’Alimentazione. L’iniziativa è l’evento conclusivo di “Food for world”, campagna dedicata alla sovranità alimentare, ovvero «al diritto di scegliere le proprie politiche di produzione, vendita e consumo di cibo che va riconosciuto a ciascun popolo - spiega Giosuè De Salvo, responsabile Campagne di Mani Tese e del progetto Sovranità Alimentare - Promuoverlo significa difendere l’agricoltura su piccola scala e i mercati locali, garantire l’accesso alla terra, all’acqua e alle sementi tradizionali, rendere più equo il controllo delle filiere agro-alimentari, correggere gli stili di vita non sostenibili». 
Attraverso queste iniziative, Mani Tese vuole anche diffondere il proprio «Decalogo sulla Sovranità Alimentare» e promuovere la raccolta di firme per la petizione «Sovranità Alimentare in Europa, ora!».  
 
Ecco le 10 regole individuate dalla Ong:  
- comprare prodotti freschi e di stagione; 
- provare a coltivare anche sul balcone di casa;  
- servirsi il meno possibile della grande distribuzione;  
- non mangiare nulla che la nonna non riconoscerebbe come ”cibo”;  
- bere acqua del rubinetto;  
- privilegiare filiera corta, km zero, biologico, prodotti alla spina e dei mercati rionali e contadini;  
- aderire a gruppi d’acquisto solidale;  
- acquistare prodotti esotici (cacao, thè, zucchero) solo nelle botteghe del commercio equo e solidale;  
- non comprare merce delle multinazionali alimentari oggetto di boicottaggi internazionali;  
- attivarsi per influenzare le scelte delle istituzioni che decidono le politiche alimentari.  

(www.lastampa.it)
 

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com