EVENTI

Primavera del Buono Bio
Buono, sano, sostenibile. È questo il biologico che si metterà in mostra e aprirà le porte ai cittadini durante la campagna PrimaveraBio 2012.

Negli ultimi anni si è manifestato sempre più il bisogno di ricucire lo strappo tra le città e la campagna, come reazione al modello alimentare industrializzato, che tende a negare il ruolo degli agricoltori, del lavoro delle donne e degli uomini nei campi, il ruolo stesso della terra e del territorio. Nella maggior parte dei casi, questa voglia di ruralità, di stabilire un contatto armonico e intelligente con l’ambiente e l’agricoltura del proprio territorio, si deve accontentare di una scampagnata con pic-nic nei prati, l’acquisto di qualche prodotto nello spaccio aziendale o, al massimo, con un pasto in un agriturismo.
La PrimaveraBio, appuntamento annuale organizzato da A.I.A.B. (Associazione Italiana per l’Agricoltura Biologica), vuole rispondere a queste esigenze e cercare di indirizzarle verso le esperienze che maggiormente qualificano l’agricoltura (il metodo di produzione biologico) e le aree protette.
L’undicesima edizione della campagna organizzata in collaborazione con Legambiente, Federparchi, Alpa, Ctm Altromercato ed il Movimento EcoSport, partirà il 25 aprile e si concluderà il 27 maggio .
Per tutta la durata della campagna le aziende biologicheam del territorio nazionale apriranno le porte a cittadini, consumatori e scuole per fare conoscere la loro capacità di produrre cibi di alta qualità, salvaguardando allo stesso tempo l’ambiente e fornendo alla collettività importanti servizi ecosistemici.
Da Nord a Sud le aziende agricole bio accoglieranno gli amanti del cibo naturale e organizzeranno visite guidate, visite didattiche, degustazioni, dimostrazioni pratiche sulla produzione e laboratori di trasformazione.
Tema dell’edizione 2012 sarà “Il Buono Bio”; gli eventi infatti porranno l’accento sulla salubrità e i valori nutrizionali del biologico, spiegando in modo chiaro e semplice i motivi per i quali il bio è un'alternativa più salutare e gustosa di mangiare. Non solo, durante la campagna saranno trattati anche i vantaggi di sostenibilità ambientale dell'agricoltura biologica rispetto all'agricoltura tradizionale, tra i quali il rispetto del benessere animale, l'azzeramento dell'uso di additivi chimici, la propensione verso un modello produttivo ispirato al mix farming e a un ridotto tenore di carbonio.
Anche i vantaggi 'sociali' del biologico, come l'attenzione, il rispetto e l'equa retribuzione del lavoro e lo sviluppo delle comunità rurali locali saranno presi in considerazione. Lo stesse tematiche verranno affrontate nel corso della campagna anche con un dossier che sarà distribuito in 10.000 copie cartacee e tramite il sito web AIAB.it (http://primaverabio.aiab.it/)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com