AZIENDE E PRODOTTI

Vini spumanti. Parlano sempre più lingue estere
Volumi +13%, valore al consumo +19%. Italia primo paese al mondo per esportazione metodo italiano. Cresce anche il metodo tradizionale. Boom in Francia (+34% sul 2011). Giro affari a 2,5 mld di euro estero, su € 3,36 mld totale.

Nel 2012, 465 milioni di bottiglie prodotte e sfiorato il tetto di 450 mil/bott made in Italy stappate, di cui all’estero 305 milioni, in 78 Paesi, circa 180 milioni stappate solo nella notte di capodanno. Per oltre il 99% l’export è di spumanti ottenuti con metodo italiano (Prosecco, Asti e Spumanti), ma in forte crescita (+21%) il metodo tradizionale (Franciacorta e Trento).
<<Il sentiment Italia – dice Giampietro Comolli – è molto forte all’estero per tutto quello che ruota attorno alla cucina e tavola. Alta considerazione qualità, giusto valore, riconoscibilità e un pizzico di moda. Utili mezzi per crescere ancora, riducendo l’occasionalità e l’individualità, puntando su continuità, solidità rapporti locali. Assolutamente non cedere su qualità globale>>.
Il consumo mondiale cresce a due cifre rispetto al 2011, +12,96%. L’Europa rappresenta il 54% volumi (+3,7% sul 2011) con circa 164,7 milioni di bottiglie e un 51% sul valore globale (+1,1%) con Belgio, Spagna, Portogallo, Grecia, Norvegia in calo del 8%; Francia, Olanda, Svizzera, Svezia, Austria e Polonia in crescita del 11%. La Francia in particolare passa da circa 5 mil/bott importate a quasi 9 milioni, principalmente Prosecco e Moscato, con una “enclave” per i Franciacorta. Germania in netto recupero (+2,9%) e UK sempre più in alto (+9%), ad insediare il secondo posto di Usa nella graduatoria dei volumi esportati.
Punte prestigiose sono rappresentate da Giappone e Estremo Oriente attestati su un +11% in valore, ma con volumi assai variabili da Paese a Paese, dal 6% al 22% della Corea, da una base di piccoli numeri, ma in crescita. In totale circa 9 milioni di bottiglie in più rispetto al 2011, ovvero circa 31 milioni di bottiglie consumante in Estremo Oriente, Oceania, Australia. La Cina rappresenta un mercato in crescita a due cifre, ma inizia a presentare diversità di importazione da prendere in considerazione.
In Russia stravince il Prosecco e gli spumanti generici di origine piemontese e lombardi. Per gli spumanti italiani l’“ex Urss” registra un incremento di consumi del 8% con un incremento dei valori del 3%. Un mercato difficile e altalenante dovuto a proibizionismo, imposte su alcolici, regole per gli importatori con alcuni segnali di discontinuità e forte infedeltà su alcune etichette. La Russia e i paesi ex Urss, non UE, nel loro insieme, rappresentano poco meno del 12% del consumo totale, ovvero circa 33,3 milioni di bottiglie.
Nelle Americhe, i diversi mercati, rispondono in modo differente: il Canada ritorna a galoppare con i numeri, meno con i valori; gli Usa mantengono un regolare trend crescente e continuo che lo rende il mercato più tranquillo e di prospettiva (insieme a Gran Bretagna e Germania). Una crescita controllata e continua da anni, pari a circa il 15% del totale mondiale, ovvero 45,6 milioni di bottiglie, compreso il Messico e i Paesi centrali in forte espansione (+9%). Il Sud America nel complesso, seppur con qualche rilassatezza marginale, fa registrare un +9% in volume con una crescita ancora superiore in valore, raggiungendo il 6% del mercato globale, pari a 21,3 milioni di bottiglie stappate nel 2012. Si confermano leader Brasile e Argentina con incremento medio del 14%, ma crescono anche Columbia e Uruguay.
Prima stima export vini italiani record nel 2012, a quota 4,652 mld di Euro. Gli spumanti contribuiscono significativamente con un incremento del valore all’origine a 945 mil/€ (+15%). Al consumo nel mondo le bollicine italiane realizzano un giro d’affari di 2,5 mld di Euro (+19,10% rispetto al 2011), nel mondo quasi equamente diviso fra canali Horeca e diverse DO.

Giampietro Comolli
+393496575297
comolli@ovse.org

 

Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com