AZIENDE E PRODOTTI

Corpo Forestale: regole per la raccolta di piante commestibili

Con la primavera iniziano le passeggiate nelle aree rurali e boscate prossime alle città e si riscopre il profumo delle erbe e dei frutti che la natura ci dona al suo risveglio dopo il lungo letargo invernale. Le tradizioni culinarie popolari sono ricche di ricette che utilizzano germogli di ogni tipo. Ma non tutto può essere raccolto e comunque ci sono dei limiti di peso, in quanto la natura va rispettata e la raccolta selvaggia non è permessa. Per questo motivo, in Friuli Venezia Giulia, la raccolta di flora edule (ovvero piante che si possono mangiare) è regolamentata dalla legge regionale 9/2007, che stabilisce i quantitativi giornalieri permessi per le varie tipologie di piante per le quali è consentita la raccolta delle parti commestibili. Nella provincia di Gorizia sono 19 i generi per cui è permessa la raccolta di un chilogrammo al giorno a persona. A tal riguardo ricordiamo i germogli di luppolo (urtissoni o bruscandoli), l'asparago selvatico ('sparso), l'aglio orsino, il pungitopo, il tamaro. Per altre specie la raccolta è consentita fino al limite di tre chilogrammi al giorno a persona. Rientrano in questa categoria sette generi tra cui gli stringoli (sclopit o sciopettini), il tarassaco (tale o radisela), l'ortica od il sambuco. Come ogni anno la Stazione forestale di Monfalcone ha intensificato i controlli preventivi nella giurisdizione anche per far conoscere modalità e limiti di raccolta delle parti eduli delle piante, nonché per ricordare i divieti vigenti all'interno delle numerose aree protette. Anche i fiori e le infiorescenze sono protetti e normalmente non possono essere raccolti. Quelli più appariscenti, colorati e profumati spesso sono i più protetti. È anche vietato asportare bulbi, rizomi o radici della flora spontanea. Particolare attenzione deve essere prestata anche al territorio sul quale viene effettuata la raccolta. Uno dei rischi più comuni nei boschi è la puntura di zecca. In questo caso il primo consiglio è la prevenzione: utilizzare abbigliamento chiaro, cospargere gambe e braccia di prodotti repellenti a base di Piretrine (repellente naturale) o Piretroidi (repellenti sintetici), controllare gli indumenti periodicamente già durante l'escursione ed ispezionare il corpo al rientro a casa.

Per ogni ulteriore informazione si può contattare la Stazione forestale di Monfalcone al numero 0481 960709 oppure all'email sf.monfalcone@regione.fvg.it .
(ARC/Com/RED - http://www.regione.fvg.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com