AZIENDE E PRODOTTI

Identificazione della zona d’origine del pomodoro
Un progetto della SSICA con il sostegno di Fondazione Cariparma. Grazie a un nuovo macchinario oggi è possibile

Identificazione della materia prima e protezione del prodotto: questi gli obiettivi di un articolato progetto che la Stazione Sperimentale per l’Industria delle Conserve Alimentari (SSICA), con il determinante sostegno della Fondazione Cariparma, ha attivato a tutela della trasformazione industriale del pomodoro.
Nel settore agroalimentare il problema dell’identificazione delle materie prime agricole sta infatti assumendo un’importanza crescente: anche nel quadro di una tutela dell’immagine dell’italianità si assiste sempre di più ad iniziative mirate a valorizzare le produzioni tipiche di territori specifici al fine di rilanciare le economie locali.
A Parma, polo nazionale per la produzione e la trasformazione industriale del pomodoro, la tematica dell’identificazione della materia prima è particolarmente sentita da parte delle aziende del territorio, che hanno la necessità di proteggere i propri prodotti dalle frodi o dalle imitazioni.
Un concreto aiuto a tale problematica viene dal Dipartimento Vegetali della SSICA, coordinato dal Dott. Antonio Trifirò, che opera da sempre a stretto contatto con le aziende: il progetto “Caratterizzazione dei macro e microelementi minerali nel pomodoro per l’identificazione della zona d’origine” si è avvalso della tecnica della “zonazione”, già ampiamente consolidata in agricoltura per valutare l’idoneità di una zona a specifiche coltivazioni.
La tecnica si basa su una mappatura dei componenti organici e minerali presenti nel terreno; i loro contenuti, insieme a specifici rapporti isotopici, consentono di datarlo e caratterizzarlo sulla base di un semplice principio: poiché gli organismi vegetali assorbono il proprio nutrimento dal terreno, a una diversa composizione minerale del terreno corrisponderà un diverso contenuto di metalli nel prodotto che cresce in esso.
Tale progetto – grazie al sostegno di Fondazione Cariparma – si è inoltre dotato di una modernissima apparecchiatura, indispensabile allo svolgimento delle ricerche, che permette la separazione simultanea dei singoli isotopi dei diversi elementi minerali e la loro identificazione.
Dai risultati di tale studio potranno trarre beneficio tutti gli attori della filiera del pomodoro da industria, dal produttore agricolo e dalle aziende di prima trasformazione ai buyer, all’industria di seconda trasformazione fino, ovviamente, al consumatore finale.

Roberto Blandino
Sec Relazioni Pubbliche e Istituzionali srl
Ufficio Emilia-Romagna
Tel. +39 0521 1560085
Cell. +39 347 0914334
http://www.secrp.it

 

Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com