AZIENDE E PRODOTTI

I crostacei provano dolore
Sono necessarie nuove regole per allevatori e chef

Le aragoste, come i granchi ed i gamberi, provano dolore (fonte: NOAA)
Granchi e aragoste provano dolore. Quelli che finora sono stati considerati movimenti riflessi e automatici sono invece vere e proprie espressioni di autentica sofferenza. La conferma arriva dalla ricerca pubblicata sul Journal of Experimental Biology e condotta dai biologi Elwood e Barry Magee, dell'irlandese Queen's School of Biological Sciences.
Gli esperimenti forniscono la conferma definitiva di quanto era stato osservato in gamberi e paguri dallo stesso gruppo di ricerca. Adesso i ricercatori hanno osservato il comportamento di granchi comuni sottoposti ad una piccola scossa elettrica.
"L'esperimento - ha detto Elwood - è stato progettato in modo da poter distinguere chiaramente le reazioni dovute al dolore da quelle generate da un movimento riflesso chiamato nocicezione". Quest'ultima è una reazione generata dalle terminazioni nervose periferiche. Mentre la prima è una reazione consapevole, la seconda è una sorta di automatismo.
Il risultato, affermano i ricercatori, non può non avere conseguenze sul modo in cui aziende alimentari e chef trattano granchi, gamberi e aragoste: "contrariamente a quanto avviene per i mammiferi - osserva Elwood - per i crostacei non viene adottata alcuna forma di protezione nella convinzione che non soffrano, ma la nostra ricerca dimostra che le cose stanno diversamente". (www.ansa.it)

 

Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com