AZIENDE E PRODOTTI

Il vino e gli Italiani, “istruzioni per l’uso”
Dai profili dei consumatori di un mercato ancora grande ma sempre più frammentato nel “vino futuri possibili” de “Il sole 24 ore”, alle “ricette” dei produttori per fermare il calo dei consumi

Probabilmente non si potrà mai tornare ai livelli degli anni ’80, quando in Italia si bevevano oltre 100 litri di vino a testa ogni anno. Ma qualcosa per invertire almeno in parte il trend del calo dei consumi nel Belpaese, forse sì. Partendo dal conoscere meglio cosa è diventato, oggi, il mercato italiano. Come ha fatto il rapporto di Filiera n. 2 “Vino Futuri Possibili” de “Il Sole 24 Ore”, nella ricerca curata dalla ricercatrice Marilena Colussi.
Che evidenzia, tra le altre cose, quanto sia cambiato e si sia frammentato il mercato. Dalla ricerca, fatta su tre diversi campioni, 300 professionisti del settore, 500 persone del campione “Web People Doxa”, e 2.400 di “HQ24 People”, emerge un quadro in cui il 93% degli italiani dichiara di bere vino. Ma tante sono le tipologie diverse di consumatore: c’è “il semplificatore” (9%), che non se ne intende e sceglie prodotti di marchi conosciuti, o l’“aspirazionale” (26%), interessato a conoscere tanti tipi di vini diversi ma molto attento al prezzo. O, ancora, “l’equilibrato” (28%), che è curioso, chiede aiuti e consigli nello scegliere ma non spende mai molto, e “l’entusiasta” (7%), appassionato e conoscitore di più tipi di vino, e disposto a spendere qualcosa in più. Ma c’è anche il “tradizionale” (7%), che beve i vini delle zone da cui proviene, e “l’abitudinario” (11%), che sceglie sempre da una ristretta rosa di prodotti, e infine il “follower” (7%), che beve solo in compagnia di amici. Solo il 6% si dichiara astemio. Il mercato potenziale, quindi, è ancora grande, in Italia, ma è fatto di tanti target diversi da intercettare in maniera specifica. Puntando ancora di più sul vino al bicchiere nei locali, per esempio, apprezzato da oltre il 70% del campione, ma tendendo conto anche che c’è un 20-30% di consumatori che beve sempre più spesso il vino come aperitivo o come base per cocktail. Ma non solo. Secondo alcuni produttori del Belpaese, da Gianfranco Fino a Bortolomiol, da Nino Franco a Speri, da Il Marroneto a Buranco, intervistati da WineNews nella cornice di “Gusto Cortina”, tanti gli aspetti su cui investire. Dall’avvicinare di più i giovani tornando a raccontare loro che il vino è parte della cultura italiana, ma anche ascoltando le esigenze del cliente finale, e riscoprire l’aspetto più leggero e divertente del vino. Facile a dirsi, ovviamente, meno a farsi ... (www.winenews.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com