AZIENDE E PRODOTTI

Agricoltura: vertice con De Girolamo per tutela peperoncino calabrese

La tutela del peperoncino italiano e calabrese in particolare, è stata al centro di un incontro svoltosi oggi tra il Ministro delle politiche agricole Nunzia de Girolamo, il presidente della Commissione agricoltura alla Camera Luca Siani, il capogruppo del Pd in commissione Nico Oliviero, l'on Michele Anzaldi del Pd , l'on. Ernesto Magorno ed il Presidente dell'Accademia del Peperoncino, Enzo Monaco. ''L'incontro di oggi è stato l'occasione per esporre al Ministro le nostre preoccupazioni per una delle eccellenze del territorio calabrese'' ha spiegato l'on Ernesto Magorno, promotore dell'incontro . ''Abbiamo affrontato il problema della concorrenza sul mercato di prodotti provenienti da altri Paesi. Nonostante il consumo sia in crescita, la nostra produzione di peperoncino è calata a causa della forte concorrenza. Basti pensare che il prezzo della polvere di peperoncino indiano è di tre volte inferiore a quella calabrese, 4 euro contro 12. Ma la qualità è nettamente inferiore: il peperoncino indiano, infatti viene essiccato in forno con tutte le foglie perdendo vitamine, gusto e aroma ed inoltre il colore. Per riportarlo al colore originale viene infatti usato il Sudan I, un colorante non autorizzato per uso alimentare perché cancerogeno''. ''Inoltre, la normativa vigente -ha aggiunto-, non impone di indicare sull'etichetta l'origine del peperoncino, ma solo il paese in cui viene confezionato: in questo modo, si può trovare peperoncino lavorato in India e solo confezionato in Calabria''. ''L'incontro di oggi -conclude Magorno- conferma l'attenzione del Parlamento per un settore di eccellenza della nostra produzione agricola''. (com-min – www-asca.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com