AZIENDE E PRODOTTI

L’orto diventa hi-tech: “Adotta un’insalata” e la vedi crescere via email

Il primo raccolto di insalata è previsto venerdì. L’idea di un gruppo di studenti dell’istituto agrario di Lesa. Stanno sperimentando la coltivazione idroponica ma servono nuovi fondi

Insalata da adottare, con la possibilità di veder crescere, grazie all'invio di una foto settimanale via email, la propria pianta, foglia dopo foglia, prima di averla nel piatto da condire. L'idea di una tessera abbonamento che consenta ad una persona o a una famiglia di avere una fornitura annuale di verdura a chilometri zero, con un monitoraggio continuo della coltivazione, è venuta ad un gruppo di docenti e di allievi dell'istituto professionale per l'agricoltura Cavallini di Solcio di Lesa, sezione associata del Bonfantini di Novara, e va oltre la semplice operazione di marketing. 
 
Luca Bertolino è docente di agronomia al Cavallini: «Nel corso dell'anno scolastico siamo partiti con un progetto sperimentale di coltivazione idroponica: in pratica seme e pianta non vanno nella terra, ma poggiano su del materiale inerte e vengono irrigati con acqua e soluzioni nutritive. La prima raccolta è fissata per venerdì: abbiamo cominciato con indivia, scarola e insalata lollo».  
 
Nelle serre dell’istituto agrario solcese diretto da Pier Marcalli, le piante di insalata fuoriescono dalle canaline che rendono possibile la coltura: «La ditta Bizeta srl di Brebbia ci ha fornito l'impianto, che è stato poi montato gratuitamente da Daniele Bronzi e dal gruppo di allievi che lavora al progetto: in tutto 60 ragazzi delle classi 1A ,2A, 3B,3A». I costi iniziali sono stati coperti dai soldi che il Comitato Genitori ha raccolto vendendo nelle piazze  coltivati nelle serre dai ragazzi durante le lezioni pratiche, in cambio di una piccola donazione. 
 
Perché il progetto diventi una realtà imprenditoriale serve il salto di qualità, come precisa il docente agronomo: «Per questo abbiamo pensato alla tessera per la fornitura di verdura fresca: una specie di abbonamento con foto, che ci consenta di poter contare su un budget iniziale prima di ampliare la produzione». La prospettiva, infatti, è di aumentare la superficie, ora pari a 30mq, e introdurre anche la coltura dei pomodori, puntando ancora di più sul biologico.  
 
Bertolino: «La coltura idroponica non è una tecnica naturale, ma se ben gestita può diventare biologica. Stiamo studiando metodi che ci consentano di utilizzare soluzioni derivate da elementi organici, come erba tagliata, e di riscaldare le serre in modo del tutto naturale, magari con una coltivazione in parallelo di microalghe: un progetto sicuramente ambizioso che consentirebbe di far entrare il nostro istituto nell'Agenda 21».  (chiara fabrizi
- www.lastampa.it)

 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com