AZIENDE E PRODOTTI

finti sacchetti ecologici della spesa non si degradano
Il test di Assobioplastiche smaschera le buste in polietilene addittivato


I sacchetti in polietilene addittivato non si possono definire biodegradabili. A sostenerlo è Assobioplastiche che ha commissionato una serie di analisi approfondite a Chelab, laboratorio italiano che effettua test di biodegradabilità degli imballaggi. I risultati, pubblicati in agosto hanno evidenziato una netta differenza tra le due tipologie di sacchi monouso diffusi in commercio. Quelli ottenuti da: amido mais, patate, poliestere, ecc… distinguibili dagli altri perché riportano sulla superficie il marchio EN 13432, sono gli unici conformi alla legge approvata nel marzo di quest’anno in quanto risultano completamente biodegradabili e compostabili. Le altre borse di plastica ottenute da polietilene additivato dopo 12 mesi infatti si sono decomposte solo per il 10%. Le buste biodegradabili invece dopo 6 mesi risultano per il 90% già degradate. Si è ancora lontani dalla reale applicazione della legge 28 del 24 marzo 2012 che doveva bandire una volta per tutte i vecchi sacchetti di plastica a beneficio dell’ambiente. (Valeria Nardi - www.ilfattoalimentare.it)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com