AZIENDE E PRODOTTI

Recupero 'verde', olio fritto diventa benzina autobus
Progetto 'oileco', Ecosoluzioni, creare catene virtuose

Ci si può pagare l'illuminazione pubblica, oppure rifornire i serbatoi degli autobus, riscaldare la piscina o la scuola comunale. Tutto con l'olio 'fritto'.
Basta raccoglierlo, pulirlo, e riutilizzarlo. A spiegare le virtu' derivanti dal recupero di quello che tecnicamente è definito Oapc (Olio alimentare post consumo) è Michele Faberi, esperto di valorizzazione energetica di Ecosoluzioni.
''L'olio è un combustibile a tutti gli effetti, assimilabile per esempio all'olio di palma'', afferma Faberi che parla delle linee del progetto 'Oileco' (finanziato in parte da Intelligent energy for Europe e che riunisce partner europei per la raccolta e valorizzazione energetica degli oli alimentari usati; Ecosoluzioni e' partner per l'Italia, soprattutto nel centro).
Nel recuperare l'olio, osserva l'esperto, c'è un duplice beneficio, ambientale ed economico, rispetto alla dispersione nel lavandino o nel water. La raccolta e la pulizia dell'olio deve ''inserirsi all'interno di una catena virtuosa, di una filiera'', che è l'intento di Ecolsuzioni in un'ottica di insieme tra comuni che dovrebbero federarsi. Insomma, dice Faberi, servono ''politiche di bacino''. Le stime su una raccolta per 150-190.000 abitanti, con 4 kg a testa di olio all'anno, parlano di un recupero potenziale di circa 600mila tonnellata all'anno di ''un bene che altrimenti sarebbe disperso''. Per incentivare i sindaci a federarsi, conclude Faberi, si può puntare a incentrare la discussione sul 'patto dei sindaci', specie sul versante della riduzione delle emissioni e dell'uso dei combustibili fossili. (ANSA)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com