CORSI E CONCORSI

Lo stop dell’Argentina all’import di prosciutti è contro le regole del commercio internazionale
La Cia sottolinea la gravità delle decisioni e chiede all’Unione europea di intervenire.
 
E’ una misura in netto contrasto con le regole del commercio internazionale. Così la Cia-Confederazione italiana agricoltori commenta la notizia del blocco da parte del’Argentina delle importazioni di prosciutti dalla Spagna, dall’Italia e dal Brasile.
Gli allevatori e gli industriali argentini -rileva la Cia- hanno firmato un accordo per autolimitarsi negli acquisti di materie prime suine dall’estero e per migliorare la propria produzione negli anni a venire in cambio dello stop di tutte le importazioni di prosciutto. Intesa che è stata accolta dal governo argentino, il quale ha provveduto immediatamente al blocco dell’import.
La Cia, nel ricordare che nel 2011 l’Argentina ha acquistato 274 tonnellate di prosciutti dalla Spagna; 199 tonnellate dall’Italia e 241 dal Brasile, sottolinea la necessità che il governo italiano si faccia sentire nelle sedi europee affinché l’Ue intervenga, anche con misure di ritorsione nei confronti dei prodotti argentini, e porti il caso davanti all’Organizzazione internazionale del commercio (Wto).
Si tratta -conclude la Cia- di un atto indispensabile per tutelare l’export agro-alimentare “made in Italy” che fattura circa 30 miliardi l’anno. (www.cia.it)




Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com