AZIENDE E PRODOTTI

E' l'anno del pesce dimenticato
la ricerca del low cost riscatta i consumi ittici con il pesce dimenticato, che fa il suo ingresso anche nei menu' dei ristoranti
 
 Vede il bicchiere mezzo pieno Lega Pesca quanto a consumi ittici sulle tavole estive in questi tempi di crisi. Per leggerezza e digeribilità, l'estate è la stagione per eccellenza di pesci, molluschi e crostacei, e le rilevazioni sui  mercati anche quest'anno non tradiscono, secondo le stime del Centro Studi, le attese di uno scatto in avanti degli acquisti,  dopo il calo del 2,4%registrato su base annua, a fronte di un aumento del 2% dei prezzi medi. Nelle abitudini del consumo estivo, il pesce si conferma una tradizione ben consolidata e a prova di crisi.
Il bicchiere è mezzo pieno anche perché, sottolinea il Centro Studi, alla volata estiva dei consumi ittici, si accompagnano per la prima volta segnali importanti di una attesa e positiva diversificazione nelle scelte d'acquisto, in un mercato globalizzato sempre più dominato dalla concorrenza impari delle holding armatoriali giapponesi, statunitensi e scandinave, le cui insidie penalizzano non solo i produttori, ma anche i consumatori. Mai come quest'anno fanno il loro primo ingresso nella busta della spesa, lanzardi, melù, palamite, mostelle, saraghi, boghe o sciabole, in sostanza la grande varietà di specie che i mercati alla produzione locali offrono ai prezzi più bassi (se non stracciati considerando che il prezzo medio al chilo va dai 3 ai max 6 euro). Specie finora snobbate, ma che le ragioni del portafoglio costringono a rivalutare, salvo scoprire che tutto sommato si tratta di un vero affare! E non solo per i consumatori, visto che a guadagnarci, evidenzia Lega Pesca, è anche l'ambiente, se i  pescatori possono valorizzare specie presenti nei nostri mari finora considerate di scarto, e diminuire così il prelievo sulle specie più sfruttate ed in sofferenza. Quelli che si dicono i risvolti positivi della crisi, dichiara Ettore Ianì, presidente dell'Associazione, soprattutto se ciò potrà contribuire a vedere finalmente intaccata la monolitica classifica delle 10 specie ittiche più consumate in Italia. Una top ten ancora invariabilmente ancorata, per il fresco, al predominio dei mitili, seguiti da orate, alici, spigole, vongole, polpi, trote salmonate, salmone, nasello e calamari.
Mentre è tempo di relegare la maggiore propensione del sesso "debole" per aragoste e ostriche alla più maliziosa letteratura, il Centro Studi di Lega Pesca conferma per i prodotti ittici la prevalenza di una curiosità e di un consumo prevalentemente maschile e in età matura. Certo è che la caccia al tesoro nostrano delle specie dimenticate sfida la pigrizia del consumatore medio, impegnando ancora solo il 36% degli acquirenti ad una ricerca che segua i canali commerciali del prodotto fresco. Oltre alla vendita a miglio zero sulle banchine delle principali marinerie, la mappa seguita da questi consumatori più accorti indica i luoghi dei principali mercati alla produzione, situati in prossimità della costa (Aci Trezza, Ancona, Cesenatico, Civitanova Marche, Civitavecchia, Corigliano Calabro, Goro, Livorno, Manfredonia, San Benedetto del Tronto, Viareggio) o misti (Catania, Chioggia, Molfetta, Trieste), rendendo più ardua la ricerca sulle grandi piazze dei mercati di redistribuzione al consumo (Venezia, Milano, Roma, Torino), dove il pescato locale fa molta fatica ad arrivare.
Che quest'estate si assista, per la prima volta, ad una timida, seppure attesissima, variazione nelle abitudini di consumo lo testimonia il fatto che anche la ristorazione ha intercettato la tendenza a valorizzare le specie locali meno conosciute, aprendo per la prima volta i menù a razze, potassoli, muggini e sugherelli.  Chi ha la fortuna di trovarsi in Toscana, dove la Lega Pesca è impegnata in un importante progetto regionale di valorizzazione del Pesce Dimenticato, promosso da Unioncamere con il coinvolgimento di Vetrina Toscana, potrà contare su una rete di 20 ristoranti, riforniti direttamente dalle cooperative di pesca, per scoprire che tutte queste specie non hanno nulla da invidiare alle solite spigole e orate. Nel ricettario di base dei menù del pesce dimenticato figurano autentiche prelibatezze di facile preparazione, come tartar di muggine e melone; mille foglie di sciabola e melanzana, in salsa di pomodoro al basilico; panzanella con palamita marinata;  ali di razza all'isolana.
E' una strategica alleanza anti-crisi quella tra pescatori e ristoratori, spiega Ettore Ianì, perché inserisce a pieno titolo le produzioni locali nel sistema dell'agroalimentare di qualità "made in Italy", rende visibile e produttivo a prezzi competitivi il nesso tra territorio e produzioni culinarie, valorizzando il contributo della cultura alimentare legata al pesce nei circuiti del turismo gastronomico. Un legame con il territorio, che emerge nella tendenza ad esaltare sempre più l'incontro tra prodotti della terra e del mare, rivalutando le ricette delle cucine popolari, dove le vongole incontrano il sapore dei funghi, il tonno e le acciughe quello dei fiori di zucca, i gamberi e le  seppie quello dei peperoni, delle melanzane e degli altri frutti di stagione dell'orto. 
(www.legapesca.coop)

Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com