AZIENDE E PRODOTTI

Ismea, estate positiva per gli oli di oliva italiani

Dopo un lungo trend al ribasso, protrattosi quasi ininterrottamente dalla metà dello scorso anno, i prezzi alla produzione degli oli di oliva extravergini  hanno registrato nel periodo luglio-settembre un incremento medio del 10% rispetto al trimestre precedente.
Lo rende noto l'Ismea, rilevando in media a settembre una quotazione di 2,83 euro al chilogrammo,  contro i 2,41 di luglio. Un decisivo rimbalzo - spiega l'Istituto - determinato anche dalle tensioni sui mercati spagnoli, dove ci si attende una campagna olivicola tutt'altro che abbondante.
L'andamento dei primi nove mesi del 2012 evidenzia tuttavia ancora un divario negativo per i prezzi dell'extravergine,  inferiori del 24% rispetto allo stesso periodo del 2011. Di contro, proprio i recuperi degli ultimi mesi hanno portato in territorio positivo il lampante (+5%), quotato in  queste ultime settimane a 2,10 euro al chilo, da un minimo di 1,50 toccato nell'anno. I rialzi hanno investito anche il vergine che a settembre si è attestato a 2,27 euro.
Più di recente, a spingere verso l'alto le quotazioni dell'extravergine sono state soprattutto le piazze del Nord della Puglia, dove peraltro la raccolta, che da qui a poche settimane prenderà il via, non sembra prospettarsi di carica. Da una prima ricognizione dell'Istituto, la produzione italiana di oli di oliva di pressione potrebbe infatti attestarsi su un livello inferiore allo scorso anno, anche se, data la situazione estremamente differenziata tra le diverse aree produttive, la cautela è d'obbligo.
Positive, ma decisamente più contenute, anche le dinamiche dei listini calabresi che hanno registrato incrementi tra il  3 ed il 4 per cento.
Da sottolineare, comunque, che a partire dalla seconda metà di settembre si è assistito a un rallentamento della dinamica positiva, che ha portato verso un graduale assestamento dei prezzi. Del resto tra poche settimane (ma in alcune zone tra pochi giorni) è previsto l'avvio delle operazioni di raccolta e a prevalere è inevitabilmente un clima di attesa. (www.ismea.it)


 


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com