AZIENDE E PRODOTTI

Vola l’export della pasta
+7,7% in valore (1,3 miliardi di euro) e dei dolci +12,7% (1,8 miliardi di euro in valore) nei primi 8 mesi 2012. E’ boom di domanda nei mercati emergenti. così l’AIDEPI - Associazione Industrie del Dolce e Pasta Italiane

Il simbolo per eccellenza della tavola made in Italy continua a correre sui mercati internazionali: è la pasta, a +7,7% in valore a quota 1,3 miliardi di euro e 1 milione e 200.000 tonnellate esportate nei primi otto mesi del 2012 con la crescente richiesta di senza glutine, organica o ricca di fibre (11% del totale delle vendite nel mondo nel 2012).
Segno positivo anche per l’export dei dolci a +12,7% per un valore di 1,8 miliardi di euro e 500.000 tonnellate consegnate, con il cioccolato a +22%, per un valore di 650 milioni di euro. È un vero e proprio boom di domanda dei due prodotti si registra nei mercati emergenti come Iran, India ed Egitto. Ecco la fotografia scattata da Aidepi, l’Associazione delle industrie del dolce e della pasta italiane.
Stati Uniti e Brasile restano i principali consumatori di pasta al di fuori dei confini nazionali, sottolinea l’Aidepi, ma si affacciano a sorpresa nuovi Paesi a tirare le vendite all’estero. In particolare, in Iran l’aumento delle richieste dal 2007 al 2012 ha sfiorato il 120%, ma anche la Cina apprezza gli spaghetti e negli ultimi cinque anni ha aumento l’import dall’Italia quasi del 40%. Inoltre, sulla scia delle crescenti tendenze salutiste, cresce la domanda di pasta senza glutine, organica o ricca di fibre. Nel 2012 ha rappresentato l’11% del totale delle vendite nel mondo, per un valore globale di 3 miliardi di dollari.
E anche i dolci made in Italy, registra l’Aidepi, sono in volo sui mercati esteri con vendite in aumento nei primi otto mesi del 2012 del 12,7% per un valore di 1,8 miliardi di euro e 500.000 tonnellate consegnate. Tutti pazzi per il cioccolato il cui export sale del 22%, al valore di 650 milioni di euro. E anche in questo caso i mercati emergenti si stanno dimostrando “golosi”: secondo le stime Aidepi-Euromonitor nei prossimi cinque anni rappresenteranno l’80% della crescita globale per il settore dei gelati. Sempre nei prossimi cinque anni i tre quarti della crescita del settore dolciario sarà generata da dieci Paesi in particolare: Brasile, Cina, Stati Uniti, India, Regno Unito, Messico, Russia, Algeria, Turchia ed Ucraina. (www.winenews.it)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com