AZIENDE E PRODOTTI

Cioccolato di Modica verso un itinerario europeo

Un itinerario europeo del cioccolato che arrivi ad attraversare “l’asse dolciario” dell’Italia. Coinvolte le province di Ragusa, L’Aquila, Belluno, Cuneo, Perugia e Torino con circa ottanta piccole e medie imprese capaci di produrre ogni anno quasi 2.300 tonnellate di cioccolato. Per tutelare le loro tradizioni è nato il progetto “Cioccolati d’Italia”, iniziativa promossa dalla “Fine Chocolate Organization” e dal Consorzio per la Tutela del Cioccolato Artigianale di Modica, in collaborazione con le Camere di commercio dei distretti italiani del cioccolato e di Unioncamere. L’obiettivo principale – spiega il presidente di Unioncamere, Ferruccio Dardanello – è rappresentato dalla salvaguardia e valorizzazione delle produzioni artigianali locali italiane, aiutandole a imporsi sui mercati internazionali”. Paolo De Castro, presidente della commissione Agricoltura del Parlamento europeo sostiene, dal canto suo, che “a partire dagli anni ’90 la tutela della qualità degli alimenti é parte integrante delle scelte di politica agricola comune. L’approvazione in commissione agricoltura del ‘pacchetto qualità’ rappresenta l’ultima tappa di questo processo. Ed è in tal senso, che l’inserimento del cioccolato nell’Allegato del nuovo regolamento Ce rappresenta un’opportunità da non farsi sfuggire per valorizzare uno dei più importanti prodotti dell’agroalimentare italiano”. C’è molta soddisfazione tra i cioccolatieri modicani giacchè il marchio “Cioccolati d’Italia” raccoglie le migliori espressioni del cioccolato artigianale Made in Italy, ed è Special Guest di Cioccolatò 2012. Il distretto del “Modica” è stato sabato scorso in degustazione guidata a Torino, condotta dalla Chocolate Taster di fama internazionale Monica Meschini,con le imprese del Consorzio Antica Dolceria Rizza, Casalindolci, Caffè dell’Arte, Pasticceria Di Lorenzo . Il prossimo 9 marzo con inizio alle 17, il cioccolato di Modica sarà all’interno delle due tendo-strutture situate in Piazza Vittorio Emanuele. La Meschini presenterà e farà degustare i prodotti delle imprese consortili Dolce Arte, Chantilly e Spinello. Presso l’apposito spazio istituzionale sempre in Piazza Vittorio Veneto è possibile inoltre ricevere informazioni sui cioccolati, sui territori di provenienza e sulla loro storia.
Nino Scivoletto, Direttore del Consorzio di Tutela del Cioccolato Artigianale di Modica dichiara: Tutelare il Cioccolato di Modica non ha mai rappresentato per il Consorzio la ricerca di una corsia preferenziale per migliorare la capacità di penetrazione del prodotto nel mercato, bensì la necessità di proteggere un patrimonio enorme di cultura e tradizione, come la ricerca archivistica ha inconfutabilmente dimostrato. Sarà presto possibile tutelare e proteggere i cioccolati d’Italia attivando processi di sviluppo per i territori interessati, in grado di avviare circuiti virtuosi dalle ricadute economiche e occupazionali notevoli. La costituzione di altri Consorzi di tutela, siamo certi, contribuirà a valorizzare altre tipicità così da affermare in Europa la qualità italiana di eccellenza, anche nel cioccolato.”

(Saro Cannizzaro - www.radiortm.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com