AZIENDE E PRODOTTI

La voglia di champagne nel mondo non conosce crisi
Nel 2011 l’export cresciuto del 7% in valore per 4,4 miliardi di euro e 323 milioni di bottiglie. usa prima mercato, ma crescono anche europa e asia

Cresce lo Champagne nel mondo, con l’export di bollicine francesi che, nel 2011, ha segnato +7% in valore, per 4,4 miliardi di euro e 323 milioni ci bottiglie: ecco le cifre del Comité Interprofessionnel du Vin de Champagne che, per l’Italia, registra una crescita del 6,3%, pari a 7,6 milioni di bottiglie. Ma a “fare i numeri” sono i mercati più lontani: gli Stati Uniti raggiungono 19,4 milioni di bottiglie (+14,4%) e il Giappone 7,9 milioni di bottiglie (+6,7%). L’Australia si distingue sfiorando una crescita del 32% (4,9 milioni di bottiglie).
Le vendite destinate all’Unione Europea (Francia esclusa) crescono del 2,1%, trainate dalla Germania (14,2 milioni di bottiglie, +8,5%), il Belgio (9,5 milioni di bottiglie, +8,5%), dalla stessa Italia e anche dalla Svezia, che fa il suo ingresso tra i primi dieci mercati all’export (2,4 milioni di bottiglie, +6,6% ). Numeri che compensano ampiamente la leggera flessione (-1,9%) del mercato francese, dovuta soprattutto ad una tassazione delle vendite negli ultimi mesi dell’anno.
Ma grandi segnali arrivano anche dai paesi emergenti. La Russia cresce del 24% con 1,3 milioni di bottiglie, il Brasile del 7% e supera il milione di bottiglie. Numerosi paesi dell’Asia stanno conoscendo crescite sostenute: Singapore (+20%, 1,5 milioni di bottiglie), Hong Kong (+15%, 1,4 milioni di bottiglie), Cina (+19%, 1,3 milioni bottiglie), Corea del Sud (+31%, 481.000 bottiglie), India (+58%, 290.000 bottiglie), Malesia (+44%, 266 000 bottiglie). Gli Emirati Arabi Uniti confermano un forte potenziale con poco meno di 1,4 milioni di bottiglie (+18%) ossia quasi cinque volte in più rispetto a dieci anni fa. Da segnalare infine alcuni altri paesi, quali il Messico (800.700 bottiglie, +18%), la Nigeria (688.000 bottiglie, +16%), il Sud Africa (443.000 bottiglie, +15%), la Nuova Zelanda (335.000 bottiglie, +19%) e l’Argentina, che raddoppia i sui volumi (126.000 bottiglie). (www.winenews.it)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com