AZIENDE E PRODOTTI

L'Arrosticino ha un marchio e la certificazione di qualità
Nonostante sia un prodotto tipico, peculiare della nostra Regione, l'arrosticino fino ad ora non aveva mai ottenuto un marchio tutelato e la certificazione di qualità

Nonostante sia considerato uno dei simboli enogastronomici del nostro Abruzzo, fino ad ora l'arrosticino, il tipico spiedino di pecora o castrato, non aveva mai avuto nessun riconoscimento o nessuna certificazione ufficiale.
C'è voluto il Salone del Gusto di Torino per far sì che l'arrosticino abbia finalmente un suo marchio, e la certificazione di qualità.
L'accordo è stato sottoscritto fra la Giunta Regionale e l'ARA, l'associazione regionale allevatori, assieme all'Accademia dell'Arrosticino d’Abruzzo.
Il marchio istituito è "Buongusto - l'Arrosticino d'Abruzzo". Soddisfatto l'assessore regionale Febo, che parla di un prodotto inimitabile, con una lunga storia e tradizione alle spalle, che da ora in poi potrà essere tutelato.
Ogni passaggio per la realizzazione degli arrosticini dovrà seguire regole precise e prevedere carni ed ingredienti DOP, tutti abruzzesi.
LA STORIA Pare che l'arrosticino sia nato dai pastori transumanti che quando scendevano a valle dopo l'alpeggio, si nutrivano con gli scarti delle pecore mattate per i precedenti pasti (ad esempio per cucinare la pecora alla callara), che venivano infilati nei ceppi ed arrostiti. Niente di più semplice e povero, ma dal gusto inconfondibile che richiama abruzzesi e turisti nei ristoranti tipici locali che offrono anche diverse varianti: da quello classico, a quello fatto a mano, fino a quelli di fegato. La zona geografica da cui ha avuto origine e quella fra Carpineto della Nora, Civitella Casanova, Vestea e Villa Celiera, oltre ad alcuni centri limitrofi della provincia di Teramo.
(Luca Speranza - www.ilpescara.it)



Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com