AZIENDE E PRODOTTI

Anguille a rischio estinzione
Veneto primo in Italia: semina a Pellestrina per favorire ripopolamento

Ha avuto luogo la scorsa settimana, per la prima volta in Italia, nelle acque prospicienti il litorale di Pellestrina, isola della laguna di Venezia, la semina di anguilla europea, specie ittica a rischio estinzione.
Avvalendosi di risorse comunitarie a disposizione della Regione del Veneto e nell’ambito delle attività previste dal Piano Nazionale approvato dalla Commissione Europea nel luglio dello scorso anno per la ricostituzione degli stock di anguilla europea, a provvedere alla semina di circa 200 kg di anguille allo stadio di “argentine” è stato il Magistrato alle Acque, attraverso il suo concessionario Consorzio Venezia Nuova, con l’intervento operativo di Thetis e l’assistenza di un mezzo navale utilizzato ad hoc dalla Capitaneria di Porto di Chioggia per le operazioni di vigilanza sulla pesca.
L’intento è quello di incrementare la migrazione delle anguille europee nel loro lungo viaggio fino al mar dei Sargassi, al largo delle Isole Antille, l’unico sito ad oggi scientificamente riconosciuto per la riproduzione della specie.
“L’anguilla, la cui presenza si è ridotta in questi ultimi anni del 90% – spiega   l’assessore alla pesca della Regione del Veneto –, è stata inclusa nell’elenco CITES,  Convenzione sul commercio internazionale di varietà animali in pericolo di estinzione, meglio conosciuta come Convenzione di Washington. Il nostro obiettivo è di ripopolare le acque, per salvaguardare una specie un tempo molto diffusa, che rappresenta una risorsa ittica originale e importante, ma anche per mantenere vive la cultura e le tradizioni legate al mondo della pesca. Ci fa piacere che il Magistrato alle Acque si ponga come partner della Regione del Veneto nell’ambito di queste politiche di protezione”. (www.regione.veneto.it)


Questo sito web utilizza solo cookie tecnici per garantire il corretto funzionamento. Per saperne di pił
Torna all'indice di ASA-Press.com