AZIENDE E PRODOTTI

Expo, Claai: Panettone artigianale ambasciatore made in Italy, spesa di 70mln

Il panettone artigianale come ambasciatore del made in Italy e del settore dolciario italiano in occasione di Expo. E' questa la proposta che verrà lanciata idealmente in occasione di una mostra, promossa dalla Confederazione libere associazioni artigiane italiane (Claai), sul tipico dolce natalizio meneghino a palazzo Giureconsulti, vicino al Duomo di Milano, per il lancio del marchio 'Tipico panettone della tradizione artigiana milanese'. Secondo un'indagine della Claai, tra le iniziative sul mondo dell’alimentazione per il tema 'Nutrire il pianeta, energia per la vita” di Expo, più della metà degli italiani (57,8%) vorrebbero un fuori Expo con il panettone, ma anche iniziative mirate all’interno del Padiglione Italia. Secondo la Claai, inoltre, ogni famiglia consuma cinque panettoni ogni inverno e sulla tavola di Natale la metà non rinuncia a quello artigianale, in un caso su due unito ad altri panettoni di marca. Uno su quattro lo sceglie senza canditi. La spesa nazionale annuale per il panettone ammonta a 70 milioni di euro e tiene rispetto ai regali. “Il panettone resta protagonista sulle tavole del Natale degli italiani: anche per la sua veste internazionale in molti lo identificano ormai come uno dei simboli del made in Italy dolciario", dichiara il segretario generale della Claai, Marco Accornero. Per quanto riguarda il settore dolciario italiano in generale, spiega la Claai, sono 40.511 le pasticcerie e panetterie italiane coinvolte nella produzione e nel commercio dolciario, di cui il 12,4% in Lombardia (5.035 imprese nel settore). Milano, patria del panettone, è al terzo posto in Italia con 1.753 ditte, dopo Napoli e Roma. Gli addetti nel Paese ammontano a 152.752, 23mila in Lombardia. Milano è prima in Italia con 8.557 addetti, seguita da Roma (6.448) e Torino (5.289). Nella classifica dei primi Paesi verso cui l'Italia esporta prodotti dolciari domina la Germania (237 milioni di euro), seguita dalla Francia (quasi 236 milioni di euro). Al primo posto nella classifica dei Paesi da cui l'Italia invece importa prodotti di pasticceria e panetteria c'è la Germania (106 milioni di euro). (red/ala - www.ilvelino.it)



Torna all'indice di ASA-Press.com