AZIENDE E PRODOTTI

Ismea, più 3% gli acquisti di oli di oliva confezionati

Bene anche l'export (+12,5% in un anno). Ma sugli oli di nuova produzione si allunga l'ombra del caro-prezzi.
 
Il 2014 rilancia in Italia il consumo di oli di oliva. Relativamente al prodotto confezionato, i dati Panel Ismea Gfk/Eurisko rivelano, nei primi nove mesi di quest'anno, un aumento di oltre il 3% su base annua sia in volume che in termini monetari.
Una dinamica in netta controtendenza rispetto all'andamento negativo osservato nel corso del 2013.
Se i consumi terranno lo si vedrà nei prossimi mesi, spiega l'Ismea. Molto dipenderà dagli sviluppi della nuova campagna, partita con prezzi decisamente elevati e produzioni in forte riduzione, sia in Italia che in Spagna.
A metà novembre, secondo le rilevazioni dell'Istituto, le quotazioni, a causa dei rilevanti vuoti d'offerta, sono balzate in media oltre la soglia del 6 euro/kg franco produttore, raddoppiando rispetto ai livelli di un anno fa. Un prezzo che potrebbe, in questa fase, condizionare gli acquisti degli italiani direttamente al frantoio, in un circuito, quello dello sfuso, che in nove mesi, da gennaio a settembre 2014, ha già accusato segnali di debolezza. 
L'export nel frattempo continua a registrare progressi. In otto mesi le spedizioni oltre frontiera di oli di oliva italiani sono aumentati del 12,5% in volume. Ancora più sostenuta la dinamica delle importazioni (+45% rispetto a gennaio-agosto 2013), con gli arrivi dall'estero (principalmente di prodotto spagnolo) che a fine anno potrebbero portarsi ai massimi da inizio millennio. (www.ismea.it)



Torna all'indice di ASA-Press.com